Settori e ambiti applicativi

40 anni fa i componenti per oleodinamica erano destinati quasi esclusivamente all’impiego su macchine movimento terra o, più raramente agricole: l’oleodinamica era un mondo di giganti o quantomeno, di macchine ed apparati di una certa “caratura”.

Realizzazione di componenti meccanici ed oleodinamici - Settori ed ApplicazioniL’olio e gli apparati oleodinamici si erano già ampiamente dimostrati capaci di generare, trasportare, moltiplicare, trasportare ed applicare a distanza “forza” e di farlo in modo efficiente, affidabile ed estremamente flessibile. Ciò che mancava era la capacità di comprimere dimensioni e forze in gioco, garantendo tolleranze sempre più stringenti, mano a mano che si riducevano le dimensioni della componentistica.

Ma da allora le cose sono cambiate parecchio.

Le applicazioni di ciò che produciamo noi si sono continuamente espanse e con esse le nostre competenze: i nostri componenti meccanici (come ingranaggi, sedi per cuscinetti, alberi ed alberini) e particolari oleodinamici (pistoni, pistoncini, pistoncini compensatori, cursori, sedi valvole, otturatori, spilli, ecc.), infatti, entrano oggi in complessivi impiegati per valvole, pompe ad ingranaggi, valvole di massima e/o di sicurezza, distributori fluido ed oleo dinamici, joystick di controllo e guida di macchine ed impianti, centraline idrauliche, motori orbitali, gruppi di sollevamento e molti altri apparati utilizzati in fluidodinamica.

Mano a mano che si è diventati sempre più capaci di comprimere le dimensioni di componenti ed apparati oleodinamici, infatti, il ventaglio di settori ed applicazioni si è andato estendendo, arrivando oggi ad includere il settore automotive, gli elettrodomestici, il biomedicale, le macchine per la lavorazione del legno e molti altri. E, in prospettiva, le applicazioni cresceranno ancora.

Vorresti avere più informazioni su questo argomento?

Contattaci!